News: Percorso di alternanza scuola lavoro svolto presso Sekkei Srls

Benvenuti nel Portale del Liceo Artistico Statale di Latina.

Percorso di alternanza scuola lavoro svolto presso Sekkei Srls

  • 11 Giugno 2019
  • News

Percorso di alternanza scuola lavoro svolto dalle classi 3^B, 5^A e 5^ C  

presso “Sekkei S.r.l.s.” (“SEKKEI SUSTAINABLE DESIGN”) di Pomezia (Roma).

 

Referente : Prof.ssa , Tutor : Prof.sse Simonetta Alessandroni e Paola Parziale, 

 

Come previsto dal progetto, l'esperienza di alternanza scuola lavoro presso l'azienda “Sekkei S.r.l.s.” ha avuto inizio con una giornata di formazione presso i locali destinati alla produzione di arredi in cartone , in legno o realizzati con tecnologia mista ( cartone + legno).

 

Durante la giornata di formazione , siamo stati accolti calorosamente dall'equipe della Sekkei e, in particolare Ylenia e Matteo Giovannone, Amministratori dell'azienda ci hanno dedicato l'intera giornata lavorativa, illustrandoci il pensiero e le scelte di ordine etico che sono alla base della loro attività. 

 

Gli alunni hanno potuto esprimere le proprie osservazionie, fare tutte le domande necessarie per comprendere appieno i processi produttivi utilizzati. 

Questa prima esperienza avrebbe fornito agli alunni gli strumenti per svolgere alcune ore a scuola con la modalità dell'”impresa simulata”, sotto la supervisione della Professoressa Parziale. 

 

Durante tali ore, la Professoressa Parziale ha fornito agli alunni un progetto già disegnato in autocad sul quale gli stessi allievi avrebbero dovuto applicare gli elementi utilizzati nella produzione di mobili in cartone realizzata dall'azienda ospitante. 

Il lavoro è stato costantemente monitorato anche dal tutor aziendale, Matteo Giovannone, al quale veniva spedito il lavoro via email.

Dopo aver svolto alcune ore di impresa simulata a scuola, gli alunni sono tornati in azienda ed hanno visionato, insieme al tutor aziendale e alla Professoressa Parziale, i lavori realizzati, apportando le modifiche necessarie per la realizzazione del prototipo. 

In tale sede agli allievi è stato mostrato anche il funzionamento del software utilizzato in azienda nel quale sono stati “esportati” i lavori realizzati in autocad dai ragazzi. 

Il  software, con il quale i ragazzi hanno potuto disegnare le modifiche indicate, era connesso con le macchine del taglio a controllo numerico con le quali sono stati realizzati i pezzi del prototipo. 

Alcuni alunni hanno mostrato due progetti da loro stesse ideati, ricevendo alcune indicazioni sulla possibile fattibilità degli arredi. 

Il tutor aziendale ha reputato che il disegno realizzato da altre due alunne, su progetto della Professoressa Parziale, fosse quello più compatibile con la tecnologia di produzione dell'azienda. 

Durante il secondo giorno di produzione, sono stati tagliati i pezzi dell'arredo ( un modulo per libreria) e di un tappeto, ideato affinchè alcuni alunni dell'indirizzo di “Arti figurative” potessero decorarlo con motivi tratti dall'opera di Frank Lloyd Wright. 

Ha avuto inizio anche la fase di incollaggio dei pezzi in cartone, componenti principali degli arredi. 

 

Il terzo giorno di produzione, gli alunni si sono cimentati nell'applicazione dell'impregnante sulle tavole in legno di rivestimento dei piani orizzontali della libreria e della vernice ad acqua, color “Oceano” , sui sostegni verticali denominati “vele” per la loro particolare conformazione. 

Terminati tutti i pezzi, anche nelle finiture, gli alunni hanno potuto montare la libreria semplicemente incastrando i vari pezzi, senza utilizzare alcun elemento di connessione. 

L'arredo è stato ideato rielaborando la tecnologia degli incastri in legno utilizzata da Frank Lloyd Wright.  

Alcuni aspetti del linguaggio espressivo del maestro sono stati ripresi nel progetto dei piani aggettanti delle mensole, prive di sostegni sugli angoli.

 

L'esperienza ha permesso di realizzare un interessante percorso interdisciplinare improntato sulla collaborazione delle discipline caratterizzanti cli indirizzi di “Design” e “Arti figurative”.